Ricamare la spugna con la ricamatrice e la pellicola idrosolubile

Ricamare la spugna con la ricamatrice e la pellicola idrosolubile

Ricamare la spugna: quali accorgimenti adottare per un ricamo perfetto?

Vorresti imparare ad utilizzare correttamente la ricamatrice? Sei alla ricerca di un tutorial per utilizzare la spugna, ricamare su spugna, e avere un disegno sempre perfettamente pieno? Ti capita di ricamare su spugna e vedere scomparire il tuo filo del ricamo? Se vuoi approfondire telaio, ricamatrice e stabilizzatori, sei nel video tutorial giusto!

Gli strumenti ideali

Nel video tutorial di oggi scopriamo nel dettaglio quali strumenti utilizzare per ricamare su tessuti come la spugna. Dalla carta da ricamo a strappo, alla pellicola idrosolubile, vediamo assieme come utilizzare il telaio e la ricamatrice.

 

Il telaio

Per centrare alla perfezione un ricamo, devi saper misurare l’area di lavoro del telaio. I telai quadrati, come il 12 x 12 cm, hanno una forma rettangolare. Se vuoi ricamare in una posizione precisa il tuo disegno, devi imparare a centrare correttamente il lavoro nel telaio.

 

I colori

La scelta dei colori da ricamare può essere modificata direttamente dal display della ricamatrice. Questa modifica permette di comprendere in modo immediato le varianti grafiche da apportare al nostro ricamo. Possiamo comunque ricamare monocolore, un ricamo multicolore.

 

Imbastire nel telaio

Puoi poi scegliere se imbastire l’area intorno al telaio, oppure intorno al disegno. Infine, puoi optare se intelaiare la carta da ricamo, o direttamente il tessuto stesso.

 

Rimuovere gli stabilizzatori

Lo stabilizzatore idrosolubile si scioglie in acqua, ma puoi anche usare il vapore del ferro da stiro per SVAPORARE la superficie del tuo ricamo, e sciogliere la pellicola. La carta da ricamo a strappo, per la tua macchina da cucire / ricamare, è facile da strappare e si rimuove completamente dopo il lavaggio.

 

I consigli di Sara Poiese

In questo video tutorial imparerai che la scelta consapevole dello strumento di cucito è essenziale per un risultato ai massimi livelli, anche nei progetti fatti a mano / handmade. Scoprirai i trucchi della sartoria per creare il tuo guardaroba fai da te, con stile ed eleganza.

Se ti piace questo mio video, dillo con un pollice alzato, commentalo e condividilo!

Un abbraccio sartoriale, Sara Poiese.

Elenco materiali utilizzati in questo tutorial:

 

Tips & Tricks:

In questo video potrai scoprire come:

  • ricamare la spugna
  • conoscere il mondo ricamatrici & macchine elettroniche
  • utilizzare il telaio ed intelaiare correttamente
  • approfondire gli stabilizzatori a strappo
  • creare lavorazioni sartoriali perfette con l’ausilio degli strumenti giusti
  • tagliare lo stabilizzatore idrosolubile
  • amare il cucito fai da te con Sara Poiese
Alcuni video simili che potrebbero interessarti:

 

3 Comments
  1. Ciao CuciMaestra!
    scusami tanto per questo messaggio, che aumenta l’entropia di tutto ciò a cui devi rispondere….solo che è da un po’ di tempo che noto che i miei messaggi su you tube non vengono annoverati nel conteggio dei commenti dei tuoi video, quindi ho il sospetto che non so per quale motivo siano visibili solo a me.
    In particolare, sotto a questo tuo specifico video sul ricamo degli asciugamani, a parte essere stra felice per il video-tutorial ti chiedevo di quanto si può rimpicciolire oppure ingrandire un ricamo senza perdere in risoluzione.
    Se i miei commenti tu li vedi, allora scusami nuovamente per aver scritto la stessa cosa qui.
    Grazie sempre per tutto quello che fai!

    1. ciao carissima! Non preoccuparti i messaggi li vediamo tutti, solo che prima di pubblicarli voglio rispondere ad uno ad uno e siete tanti. Non temere che prima o poi la risposta la vedi 🙂 il ricamo comunque si può ingrandire o rimpicciolire di un 10% solitamente, non oltre, per evitare che si rovini. ci sono alcune ricamatrici che hanno il riconteggio dei punti istantaneo, e dunque non si rovina il lavoro anche se modifichi di un 15%, ma poi comunque vi è sempre un limite di modifica oltre il quale si deve portare il disegno a software e modificarlo da li.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.