Come cucire il copri gruccia personalizzato

00 - il copri gruccia personalizzato - sara poiese
View Gallery 10 Photos
03 - il copri gruccia personalizzato - sara poiese
04 - il copri gruccia personalizzato - sara poiese
05 - il copri gruccia personalizzato - sara poiese
06 - il copri gruccia personalizzato - sara poiese
07 - il copri gruccia personalizzato - sara poiese
09 - il copri gruccia personalizzato - sara poiese
08 - il copri gruccia personalizzato - sara poiese
02 - il copri gruccia personalizzato - sara poiese
01 - il copri gruccia personalizzato - sara poiese
00 - il copri gruccia personalizzato - sara poiese

Dedicare tempo al riordino del guardaroba può essere un vero e proprio shock, ma con i copri gruccia personalizzati la giornata ti sorride!

Creare i miei copri gruccia personalizzati è sempre stata una “to-do list”, un elemento da progettare prima o poi.  Finalmente è arrivata la settimana giusta, quella dei saldi 🙂 nuovi acquisti, e, dunque, nuovi capi da inserire nel guardaroba.

Con un tocco handmade ovviamente… cuciti artigianalmente e personalizzati con una iniziale ricamata.  Scopriamo passo passo come ho realizzato il mio copri gruccia.

 

Materiale occorrente

 

Il cartamodello e i tagli

Io ho scelto la gruccia base, quella che ti lasciano in tintoria quando porti le camicie a stirare per intenderci. E’ anche chiamata “appendino”, e in commercio se ne trovano di infinite tipologie.

Il bello delle grucce così’ essenziali è che puoi ottimizzare gli spazi nel tuo guardaroba: sono sottili e quindi puoi inserire il doppio degli abiti nella stessa anta (ottimizzazione furba per le amanti del fashion).

L’aspetto negativo, invece, è che spesso sformano spalle e maniche in quanto troppo sottili e spigolose.

A ragion veduta, ho creato la gruccia imbottita 🙂

Il cartamodello si può ricavare prendendo un foglio di giornale, sovrapponendo la gruccia, e tracciandone il contorno con una penna fino al gancio ad uncino. E’ necessario aggiungere il margine di cucitura di 1 cm per permettere al cartamodello di essere tagliato e cucito correttamente.

Non sono quindi necessari, a mio parere, per questo genere di copri gruccia, cartamodelli specifici, che invece sono utili quando il progetto diviene più complesso e strutturato.

 

La personalizzazione

04 - il copri gruccia personalizzato - sara poiese

Tagliati due strati di cotone e due strati di mollettone, ho spillato con gli spillini lunghi da patchwork un cotone e un mollettone alla volta, per ottenere il tessuto ovattatoMacchinare a margine della stoffa mi ha evitato di imbastire il progetto per fissarlo, e con una macchinatura veloce ho sostituito l’imbastitura.

Si può personalizzare in molti modi un copri gruccia, io ho preso un avanzo di tessuto bianco di cotone, e con la macchina per cucire ( che è anche ricamatrice ) ho ricamato la mia iniziale con un filato fango.

Ho ripiegato mezzo centimetro di margine di cucitura della mia toppa bianca e con il filo da imbastire l’ho fissata sul frontale della gruccia.

Con il piedino della macchina per cucire ho cucito a margine della ripiegatura stoffa un punto dritto, per fissare l’applicazione.

 

L'assemblaggio

Fissati gli strati di tessuto, ricamata l’iniziale e fissata sul frontale, ho cucito sul retro del copri gruccia l’etichetta personalizzata, per completare con un tocco professionale il progetto.

05 - il copri gruccia personalizzato - sara poieseHo preso il frontale e la schiena del copri gruccia, li ho posizionati dritto contro dritto, spillandoli.

Prestiamo attenzione al colore degli spillini: i due spilli rosa posti trasversalmente indicano lo spazio aperto da lasciare per far passare l’appendi gruccia.

Gli spillini azzurri indicano inizio e fine della cucitura, che inizia in direzione degli spilli verdi e termina con quelli arancione, interrompendo appunto la linea di cucitura dritta in prossimità degli spilli rosa.

Se ne deduce, dunque, che l’area del fondo del copri gruccia resti momentaneamente ” da rifinire.

Opzionale è la rifinitura (ma io la preferisco avendola a disposizione) del margine del copri gruccia con la tagliacuci. La finitura è più pulita, il cotone non sfilerà con il tempo e l’ovatta rimane più unita al margine di cucitura.

 

Finitura

06 - il copri gruccia personalizzato - sara poieseHo sempre ribadito il concetto che – a mio parere – le attrezzature fanno la differenza.

Anzichè misurare con il metro morbido da sarta 2 cm qui, 2 cm li 2 cm più avanti, e poi tracciare una linea dritta con il gesso… (aimè che noia…) scelgo il righello centimetrato omnigrid , che mi segna con le sue tacche trasparenti la corretta e costante misura di 2 cm che molto velocememente traccio con la saponetta. Esatto, la saponetta! La fine del sapone da bucato: non macchia i tessuti, scompare con un colpo di vapore del ferro da stiro, e nei tessuti colorati / scuri è ben visibile!

Queste soluzioni a mio avviso rendono più piacevole e più veloce il nostro progetto.

07 - il copri gruccia personalizzato - sara poiesePosso eventualmente segnare il tessuto con la penna idrosolubile per tessuti, marca in azzurro, anch’essa un ottimo alleato in sartoria , scompare con l’acqua.

Con la macchina per cucire, un semplice punto di cucitura dritto, sopra alla gessatura, mi permette di fissare la ripiegatura dell’ orlo del mio copri gruccia, che ho precedentemente imbastito. Trattandosi di tessuto ovattato, facilmente può scappare dalla posizione corretta, ordunque meglio fissarlo con degli spillini e / o un’imbastitura 🙂

Ricordiamoci di saldare la fine della cucitura, affinchè il filo non salti con il tempo.

 

Il progetto concluso

08 - il copri gruccia personalizzato - sara poieseE’ carinissimo, semplice, elegante, delicato e moderno al tempo stesso.

Il copri gruccia fango con iniziale ricamata su fondo bianco è proprio un progetto do it yorself, e sto già creando il secondo, il terzo, il quarto copri gruccia….

Tutti i miei abiti finalmente avranno il loro copri gruccia confortevole: non ci saranno più spalle stirate rovinate dalle grucce troppo spigolose, o troppo grandi.

Le mie canotte a spallina stretta non scivoleranno più a causa delle grucce scivolose, perchè il tessuto con l’imbottitura garantisce attrito sul tessuto appeso.

01 - il copri gruccia personalizzato - sara poieseI miei abiti più belli possono essere impreziositi dall’etichetta personalizzata nel retro della gruccia con etichetta.

E’ un’idea perfetta da regalare alle amiche.

Se non vogliamo ricamare l’iniziale possiamo applicare una toppa, o un pizzo, o una serie di bottoni gioiello.

Possiamo applicare anche delle sagome di feltro ( che vi mostrerò nei prossimi progetti….) per delle grucce che ci fanno sorridere quando apriamo il guardaroba frizzante e piacevolmente completato da iniziali, frasi, bottoni, sagome applicate.

02 - il copri gruccia personalizzato - sara poieseIl primo abito che sfrutto per il mio primo copri gruccia personalizzato è un abito che ho realizzato con gonna di chiffon e corpino di paillettes rosa cipria…. Le paillettes sono delicate, tutto l’avito è delicato, e ho piacere che le spalle restino morbidamente in forma 🙂

E voi? Per cosa utilizzerete il vostro copri gruccia personalizzato?

Come sempre vi ricordiamo che se desiderate approfondire un cartamodello, un progetto, un pattern, un tutorial, una tecnica, un abito o un outfit in generale, potete inviare una mail a cucito@sarapoiese.com e lo valuteremo per realizzarlo postandolo sul blog.  

03 Se vi è piaciuto questo post, cliccate mi piace e condividetelo sui vostri social!  

Non ci sono commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.